MG Marketing Giardinaggio

Maggio 2019

Numero: 246 | Mese: Maggio
Scarica Sfoglia

Editoriale

Partenza promettente. Il via della stagione al momento giusto, quel che serviva per accendere i motori e scaldare i punti vendita.

Tutto secondo copione, col meteo che ha suggerito prima dubbi e poi le prime certezze. La partita è cominciata. Lunga, faticosa, complicata ma anche stimolante, con tante carte sul piatto e magari pure assai diluita come è stato nel passato anche recente.

Di nuovo c’è l’ingresso a pieno regime o quasi della batteria, sempre più cercata e capita. Sempre più apprezzata e quindi desiderata. Sole e pioggia stanno facendo discretamente il proprio dovere, alternandosi nel modo migliore dopo qualche perplessità a febbraio e marzo. Quando di acqua se n’è vista davvero poca, quando i timori cominciavano a lievitare. Traffico nei negozi ora, fiducia, macchine appropriate. Offerta e domanda. Adrenalina in corpo. «Sarà una bella stagione», la sensazione di molti raccolta nel trapasso fra inverno e primavera, fra gli ultimi lampi di freddo ed i primi squarci di giornate sempre più lunghe.

Col cliente finale spesso a fare il sapientone e a far sorridere i rivenditori ma anche con la voglia di immergersi nel giardinaggio e farlo diventare sempre più suo. Anche se il verde spesso è confinato a pochi metri. Tutto secondo copione, ma anche secondo le attese. Troppo importante il 2019, per tanti motivi. Perché la batteria possa penetrare ancor di più nei prati, perché il garden si prenda tutto quel che merita, perché lo specialista raccolga fino in fondo tutti i frutti della sua opera. La direzione è quella, i primi passi anche.

Adesso non resta che continuare a rimboccarsi le maniche, ad azzerare pause pranzo e tempi morti. E a richiamare clienti, perché questo impone il ruolo del perfetto rivenditore oggi. L’occasione va creata e cercata. Con fermezza e intuito, ascoltando il territorio e le sue esigenze. Il piano è chiaro, adesso non resta che attuarlo. Mettendoci anche un bel po’ di passione, quella che in fondo fa la vera differenza. Non solo in negozio.

Le prime istantanee sono già belle colorate, adesso bisogna solo continuare così. E aumentare il passo.

Rivista


design: giudansky.com